Cos’è il dolore cronico e perché non passa. Le Strategie per stare meglio

Un ampio studio europeo mostra che circa una persona su cinque soffre di dolore cronico (Breivik et al. 2006). In Italia è addirittura più alto , dove 1 su 4 soffre da dolore cronico (Roberto Latina et 2019)

In questo articolo imparerai perchè il tuo dolore non passa e le strategie che puoi adottare sin da subito per stare meglio.

Ma chi sono io per dirti questo?

Il mio nome è Alessio Veneziano, sono un fisioterapista e fondatore di questo portale Veneziano Therapy. Aiuto persone che vogliono ridurre i sintomi cervicali e ritornare alla vita che vogliono vivere.

Clicca qui per saperne di più

Ok adesso che sai chi sono ritorniamo sul nostro articolo.

 

Secondo l’Associazione internazionale per lo studio del dolore (IASP), la definizione di dolore è “un’esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole causata o descritta in termini di danno tissutale effettivo o potenziale”.

 

Da questa definizione si può concludere che il dolore non ha solo a che fare con dove si trova, come ci si sente, quanto è doloroso e da quanto tempo è durato, ma il dolore è un’esperienza emotiva.

 

Il dolore infonde paura, paralizza e può rendere una persona depressa. Può persino portare una persona alla disperazione. È importante spezzare questo circolo vizioso del dolore.

 

La domanda (molto importante) che ti sarai chiesto più volte è ‘Da dove viene il dolore?’

Inizio a spiegartelo :

Innantitutto, Quali tipi di dolore ci sono?

In generale, ci sono tre diversi tipi di dolore:

 

  1. Dolore acuto (anche chiamato nocicettivo)
  2. Dolore neuropatico (dolore ai nervi)
  3. Dolore cronico o dolore da sensibilizzazione.

 

Dolore acuto

Il dolore acuto si presenta più o meno ogni giorno per tutti. Potresti urtare, graffiare o scottarti.

Il dolore acuto ha una funzione chiara, importante: qualcosa non va e bisogna agire per prevenire ulteriori danni. Fortunatamente, la stragrande maggioranza di questi disturbi del dolore passa rapidamente.

 

Ma a volte il dolore dura più a lungo, ad esempio con una frattura ossea, una distorsione alla caviglia o un’unghia incarnita.

 

 Il dolore dovuto a un evidente danno ai tessuti è chiamato dolore nocicettivo.

 

I nocicettori (recettori del dolore) rispondono al danno tissutale inviando segnali (di allarme) al sistema nervoso centrale. Quando questi segnali arrivano nel nostro cervello, vengono percepiti come dolore. In questi casi è quindi saggio prendersela comoda e prendere un antidolorifico.

 

Dolore neuropatico

Il dolore neuropatico (o dolore ai nervi) è causato da un danno o da una malattia nel sistema nervoso stesso. Esempi di dolore neuropatico sono:

 

  • Dolore fantasma
  • Dolore da lesione del midollo spinale
  • Dolore alle gambe nei pazienti con diabete (con malfunzionamento ai nervi)

 

Il dolore neuropatico può essere molto intenso e avere conseguenze importanti per la vita quotidiana. Questo dolore è spesso accompagnato da un cambiamento nella sensazione della pelle nella parte del corpo interessata. Ad esempio, un tocco leggero o un leggero sfregamento sulla pelle possono essere molto dolorosi. È anche possibile che il tocco non sia o sia appena sentito.

 

Nel dolore neuropatico, la funzione dei nervi è chiaramente compromessa. Di conseguenza, la diagnosi di dolore neuropatico può essere fatta abbastanza facilmente da un medico. La sensibilizzazione all’interno del sistema nervoso è il responsabile del dolore.

 

Dolore cronico

Il dolore è detto cronico quando:

 

  • è presente da almeno sei a dodici settimane;
  • è presente in modo continuo o intermittente;
  • Non può essere adeguatamente spiegato da un danno nel corpo ;

 

Il dolore cronico può insorgere spontaneamente o persistere dopo una lesione fisica (dolore acuto). I seguenti disturbi sono spesso associati al dolore cronico:

 

  • Dolore cronico alla schiena o alla cervicale (lombalgia, sciatica)
  • Colpo di frusta
  • Gomito del tennista
  • Fibromialgia
  • Dolore alla mascella
  • Sindrome dell’intestino irritabile
  • Mal di testa / Emicranie
  • Osteoartrite

 

Poiché il disturbo “dolore” non può essere chiaramente classificato in un tipo di specializzazione medica all’interno dell’assistenza sanitaria, i pazienti spesso hanno la sensazione di essere trasferiti da un posto all’altro.

 

Ogni specialista guarda nel proprio campo per vedere se c’è qualcosa che non va. E se così non fosse (spesso accade con il dolore cronico), viene consultato un altro specialista, e così via.

 

Sensibilizzazione (in questi casi il dolore cronico viene anche chiamato neuroplastico)

Il dolore può esistere senza infiammazione o danno nel corpo. Il dolore ha quindi origine nel sistema nervoso ed è causato dall’ipersensibilità delle parti del sistema nervoso responsabili dell’elaborazione dei segnali del dolore.

 

Chiamiamo questo processo “sensibilizzazione”. Il sistema del dolore all’interno del sistema nervoso è quindi troppo sensibilizzato o sovra-regolato.

 

Puoi paragonarlo a un allarme antincendio che suona continuamente. Non c’è (più) l’incendio, ma il sistema di allarme continua a suonare.

In altre parole: non esiste (più) danno fisico, ma il dolore persiste perché è avvenuta una sensibilizzazione del sistema nervoso. Di conseguenza, cose che normalmente non sono dolorose, come camminare, sollevarsi o uscire da un’auto, possono improvvisamente essere dolorose.

 

Perché il dolore non va via

Cosa impedisce al dolore cronico– o sensibilizzazione – di scomparire?

Ciò può essere causato da molti fattori diversi. Ad esempio, i movimenti limitati, una cattiva condizione muscolare, ma anche le preoccupazioni per la causa del dolore possono mantenere i disturbi.

 

Inoltre, la depressione, paure, frustrazioni o ansie possono esacerbare ulteriormente la sensibilizzazione.

Anche il modo in cui gestisci i sintomi è importante. Alcune persone evitano con tutte le loro forze tutti i movimenti che fanno male, altre, invece, non si riposano mai e vanno sempre avanti.

Infine, anche i farmaci sbagliati possono portare alla sensibilizzazione.

 

Se il dolore non scompare, è importante esaminare attentamente tali fattori che possono influenzare la persistenza dei disturbi.

 

Dolore cronico non ‘psicologico’

Il dolore cronico è causato dalla sensibilizzazione, un chiaro fenomeno fisico. I fattori psicologici possono quindi influenzare questa sensibilizzazione.

Ad esempio, qualcuno può diventare depresso o insicuro a causa del dolore, dopodiché la depressione peggiora la sensibilizzazione.

Il nocciolo del discorso è che i disturbi del dolore , a lungo termine,  hanno un impatto su di te, sia fisicamente che mentalmente.

Attraverso un approccio cognitivo e funzionale puoi uscire fuori da questo circolo vizioso.

 

Ok, adesso che sai in generale perché il tuo dolore non passa, veniamo a quello che puoi fare per iniziare la guarigione.

 

Stile di vita

Lo stile di vita può avere un’influenza importante sulla tua salute fisica e psicologica e può quindi influenzare anche i disturbi del dolore e della fatica.

Ecco perché quando ho a che fare con un cliente guardo prima il suo stile di vita prima di capire su che step agire.

 

Uno stile di vita sano include cibo sano, esercizio fisico a sufficienza, non fumare, alcol con moderazione e affrontare bene lo stress.

 

In questo articolo voglio soffermarmi in particolare sul sonno e l’esercizio. Coprirò la situazione stress in un nuovo post.

 

Sonno

Disturbi del sonno in relazione al dolore e alla fatica

I problemi del sonno sono comuni. Questo vale sicuramente per le persone con dolori permanenti e, stranamente, spesso anche per le persone molto stanche. Se un problema di sonno persiste per un periodo di tempo più lungo, sorgeranno sempre vari disturbi, come affaticamento, dolore, sovra stimolazione, agitazione e problemi di concentrazione.

 

Cos’è in realtà il sonno?

Il sonno è un periodo di recupero. Tutti i tipi di processi avvengono durante il sonno. È così che vengono elaborate le informazioni del giorno passato, i muscoli si rilassano, si riprendono e vengono prodotti tutti i tipi di sostanze di cui abbiamo bisogno durante il giorno. In generale, si può dire che il sonno è necessario per essere fisicamente e mentalmente in forma.

 

Senza andare troppo nello specifico. Il sonno è costituito da diverse fasi (vedi Figura 1)

A volte questo normale schema può essere interrotto. La natura di questo disturbo può essere suddivisa in due tipi: difficoltà ad addormentarsi e difficoltà a mantenere il sonno (frequenti risvegli).

 

Le persone con problemi di sonno spesso finiscono in un circolo vizioso, in cui il dolore e la fatica giocano un ruolo importante.

Diversi fattori possono essere alla base di questo. Ad esempio, fattori biologici o fisici come dolore, aumento della tensione muscolare, problematiche del sonno (ad esempio apnea, sonnambulismo) o un aumento della frequenza cardiaca possono avere un’influenza.

 

Inoltre, possono svolgere un ruolo anche fattori psicologici o emotivi, come stress, ansia, preoccupazioni eccessive o traumi. Ma anche i fattori sociali, come il partner che russa, i bambini che piangono, il cambio di turno al lavoro, lo stress sul lavoro, ecc. sono fattori importanti.

Infine, anche i farmaci e certamente i sonniferi possono disturbare il sonno! La ricerca mostra che dormi in modo diverso se hai preso un sonnifero. Un sonnifero provoca la fase REM a ridursi, dove questa dovrebbe essere proprio necessaria a riposare bene.

 

È importante scoprire attentamente quali fattori sono alla base di un problema di sonno.

Migliorare il sonno è una parte importante della strada verso il recupero, anche per il dolore, poiché i problemi di sonno a lungo termine portano a una sensibilizzazione del sistema centrale e un aumento del dolore e dell’affaticamento.

 

Trattare i problemi del sonno è quindi parte del trattamento generale per il dolore e l’affaticamento.

Ad esempio, il trattamento con l’aiuto di un medico può consistere nel ridurre i sonniferi, cambiare le abitudini del sonno, diventare più attivi durante il giorno, dormire meno durante il giorno o adottare misure di igiene del sonno. Esamina anche l’alimentazione, l’esercizio fisico o l’uso di altre sostanze.

 

L’Esercizio come medicina

L’esercizio fisico è una parte importante del trattamento del dolore. Non c’è quasi alcun motivo per non muoversi. L’esercizio innesca vari processi, come la riduzione del dolore, sentirsi meglio mentalmente, dormire meglio, e condizioni fisiche migliori, ad esempio il rilassamento.

Sono state condotte molte ricerche sull’effetto dell’esercizio fisico sulle persone con disturbi cronici.

Da questi studi si possono trarre alcune chiare conclusioni :

 

Muoversi fa bene

Non importa molto quello che fai in termini di movimento finché ti muovi. Questo può essere camminare, fare esercizi, yoga, andare in bicicletta, pesistica, correre, ecc. Quindi la forma del movimento non fa la differenza. Se ci riesci, è bene muoverti moderatamente e intensamente per un po’, costruiscilo, a seconda della tua situazione personale.

 

Scegli il movimento che fa per te

L’esercizio fisico dovrebbe essere soprattutto divertente e sostenibile a lungo termine, in altre parole deve far parte del tuo (nuovo) stile di vita.

 

Rendilo personale

Soprattutto se lamenti disturbi da molto tempo, è importante creare un programma di allenamento personale. In caso di dolore, questo è un programma su misura che può essere eseguito passo dopo passo.

Da fisioterapista sono esperto in questo e possono aiutarti a creare un programma personalizzato alle tue esigenze.

 

Fallo insieme

Questo non vale per tutti, ma spesso le cose sono più gestibili se puoi farlo insieme a qualcuno che conosci o in un gruppo. Sarà più divertente.

 

Lascia che l’esercizio faccia parte di un programma totale

L’esercizio fisico è una parte importante del trattamento per molte persone con disturbi. Tuttavia, gli altri aspetti sono spesso altrettanto importanti. Questo può riguardare le emozioni, l’alimentazione, il fumo, la riduzione dello stress, la riduzione dei farmaci, e come abbiamo detto prima, il buon sonno.

 

In conclusione

Per iniziare a sentirsi meglio bisogna agire su vari aspetti del tuo stile di vita. Ti consiglio di prenderne uno alla volta e lavorarci per un po’ fin quando non diventa automatico.

Spero che questo articolo ti abbia fatto capire che tu puoi avere il totale controllo al dolore e che questo nella maggior parte dei casi può essere curato.

 

P.S.

Capisco che attuare questi nuovi cambiamenti è difficile all inzio. Ricorda: Non cerecare la perfezione ma piuttosto un progresso costante. Anche l1% in più ogni giorno farà la differenza a lungo termine.

Se non vuoi fare tutto da solo e sei interessato ad una consulenza privata puoi prenotarla qui.

 

Nel frattempo puoi scaricare GRATIS il mio libro guida sul dolore cronico ” La via d’uscita” cliccando qui 

 

Buona pratica

Ci vediamo al prossimo articolo

Alessio

Alessio Veneziano

fisioterapista olistico

Il mio lavoro è aiutarti a ridurre i sintomi cervicali e tornare alla vita che vuoi vivere.

Alessio Veneziano

Gli ultimi articoli
Sponsor
Organic Raw Cacao 100%

Scarica gratuitamente il mio e-book e
INIZIA IL TUO PROCESSO DI GUARIGIONE

Veneziano.Therapy

Follow me on Instagram

Scarica gratuitamente il mio e-book e
INIZIA IL TUO PROCESSO DI GUARIGIONE